Palinsesti La7: tutte le novità

Regolare Commento Stampare

"Non apparteniamo a nessuno schieramento, rifiutiamo l'etichetta di rete ora grillina ora di sinistra", polemizza Cairo: "Ci teniamo stretti un pubblico pregiato per istruzione e potere di acquisto: sappiamo di essere qualificati e autorevoli nel raccontare la realtà, vogliamo mantenerci come una rete polifonica e per ora non è stata fissata nessuna sinergia particolare con le testate del gruppo Rcs". Makkox, peraltro, è uno dei nuovi arrivati del gruppone di Gazebo, che su La7 conquista la prima serata con un programma che non ha ancora una collocazione e un titolo.

Un'etichetta che "è molto in sintonia con il tipo di tv che facciamo che continua nel main stream di un'informazione che si basa su approfondimento credibile e autorevole, e sulla libertà di espressione assoluta, con una declinazione che intercetti i cambiamenti della società in modo evolutivo", ha spiegato Urbano Cairo, presidente di Cairo Communication, ieri alla presentazione dei palinsesti della prossima stagione (vedi notizia).

Cairo ha commentato il suo possibile interesse sulla radio, "mezzo che mi è sempre piaciuto e che va bene, ma vedo difficile entrare in un mercato già consolidato". Promette scintille anche il ritorno sugli schermi di Corrado Guzzanti, che firmerà una cartolina satirica quotidiana subito dopo il programma di Lilli Gruber. Nuove trasmissioni ancora da definire pure per Luca Telese e David Parenzo.

Lilli Gruber è un 'top player' che La7 non vuole cedere, tanto che le ha fatto un contratto fino al 2022 "un quinquennale come si fa con i calciatori a cui tieni". Confermato anche Tagadà di Tiziana Panella dopo pranzo, con il pomeriggio che si tinge anche di intrattenimento con Cuochi e Fiamme di Simone Rugiati. Per il cinema d'autore la rete ha acquistato otto film di Nanni Moretti, che verranno da lui stesso introdotti. Abbiamo terminato le puntate ma lui rimane con noi e gli abbiamo chiesto alcune idee da sviluppare.

Cairo sempre sul tema tv, sulla possibilità di lanciare un canale solamente sportivo, replica: "Non ha avuto molta fortuna in passato".

Il contratto è stato rinnovato per tre anni anche a Corrado Formigli (che scadeva il 30 giugno) e a Giovanni Minoli. Particolarmente ricchi i dati sulle news, visto che La7 è la prima generalista per ore dedicate all'informazione (12 ore al giorno), così come è merito dell'informazione anche il primato per ore di diretta in prime time. Lo stimo tantissimo. Fa una tv dove coniuga perfettamente l'alto ed il basso. "Ma sul lancio di una tv sportiva, dopo l'esperienza negativa di Gazzetta Tv costata 10 milioni, ci penserei 100 volte", ha aggiunto.