Samp: Ferrero indagato per appropriazione indebita

Regolare Commento Stampare

Pesanti le ipotesi di reato contestate al "Viperetta": appropriazione indebita e riciclaggio.

La scoperta del cadeau della Vici srl alla Livingstone rischia ora di mettere Ferrero in guai più seri: gli inquirenti sospettano infatti che ci sia stato un trasferimento illecito di capitali dalla Sampdoria alla Livingstone, e che la Vici srl abbia fatto solo da schermo.

Infine, la terza segnalazione che sarebbe stata analizzata dagli uomini della Finanza, conclude l'Espresso, riguarda alcuni bonifici effettuati dalla Sampdoria a favore di alcune società dello spettacolo e della cinematografia: si passa da un versamento da 122 mila euro per la Vici srl, a un altro per la Comunicazione e promozione srl da 11 mila euro, fino a un terzo da 79 mila euro per la Eleven Finance, tutte riconducibili a Ferrero.

Inoltre, risultano assegni emessi e bonifici effettuati dal presidente a favore della propria compagna Manuela: si tratta di otto assegni per un totale di 350 mila euro emessi alla fine del 2014; ad essi dovrebbero aggiungersi tre bonifici da 257 mila euro, con la causale "acconto prima casa".

Un'altra segnalazione concerne altri due bonifici, disposti dall'Unione Calcio Sampdoria spa a favore della Vici srl, società, proprietaria di alcune sale cinematografiche, che "comprò" la Sampdoria dalla famiglia Garrone nel 2014 praticamente gratis. Il club blucerchiato ha voluto far chiarezza dopo le voci che riguarderebbero ancora una volta il presidente, Massimo Ferrero. I versamenti avevano come causale "Lavori a Bogliasco", dove si trova il centro sportivo in cui si allenano i giocatori della Samp.

Ma non finisce qui: Uif e Guardia di Finanza hanno il sospetto che le somme finite alla Livingstone provengano anche dalla vendita del calciatore Pedro Obiang al West Ham, che aveva luogo in quei giorni per 6,5 milioni di euro. La società ha replicato dicendo di non essere preoccupata "perché le certificazioni dei nostri bilanci e dei movimenti contabili sono sempre stati fatti regolarmente, come conferma l'assegnazione della licenza europea che non viene riconosciuta ai club non in regola con i conti".