Vasco Rossi al Modena Park: gli oggetti smarriti al concerto

Regolare Commento Stampare

Ma nemmeno tanto. Il senso, da trovare, era che l'evento è stato venduto, dagli organizzatori, a pacchetti: l'intero concerto senza interruzioni era riservato ai cinema e inoltre andava salvaguardato il futuro dvd. Una grande sfida quella lanciata da Vasco Rossi e accolta da centinaia di migliaia di appassionati di musica, dai diversamente giovani e nostalgici degli anni 80, ma anche di numerosissimi ragazzi che hanno partecipato, non senza sacrifici a un concerto rock che a tutt'oggi annovera il maggior numero di affluenze.

Quella messa in moto sabato è stata una macchina efficiente e perfetta che ha prestato soccorso tranquillamente ha più di 1500 persone una parte delle quali si erano infortunate a seguito di partite di calcio o pallavolo realizzate in attesa del concerto "Sembrerà inverosimile, eppure nelle previsioni di piano avevamo calcolato che le nostre strutture sanitarie sul posto avrebbero avuto tra i 1.500 e i 2.000 interventi".

Alla fine del Modena Park, l'evento live che ha visto Vasco protagonista la sera del 1 luglio, è scattata l'operazione di pulizia dell'area destinata al concerto. Una giacca di colore giallo, un cappellino nero, il rocker di Zocca si è presentato sul palco alle 21 spaccate. Tra i commenti lasciati sul social, qualcuno ha scritto: "Hai un'ignoranza addosso che fa spavento", e qualcun altro "Sai perché non mi piaci?"

I dati reali parlano di più di 100 le tonnellate di rifiuti raccolte, con oltre 160 persone e un centinaio di mezzi al lavoro dalle primissime ore di domenica solo al parco Ferrari e nelle aree adiacenti. "Complimenti Vasco, complimenti Modena!", ha scritto su Facebook l'artista di Correggio. Inoltre sul territorio sono stati realizzati 13 eventi all'aperto con diretta Rai che hanno registrato 3.750 presenze. Oggi Modena è la capitale mondiale del rock.

Il concerto è stato interamente proiettato in diretta in oltre 150 sale cinematografiche in tutta Italia. Ora Modena sa che tutto è possibile e può commettere un solo errore: farsene vanto invece di trarne consapevolezza e ambizione per un futuro non certo solo di concerti, ma di imprese straordinarie quello sì.