Marquez sale in vetta Rossi si salva: quinto

Regolare Commento Stampare

Dal 2013 un solo re di Germania, in sella alla moto con il numero 93. Marc ha preso il controllo della gara inseguito da Pedrosa e Folger, che nella prima parte del GP si è messo anche davanti. Subito dietro il catalano si piazza il compagno di team Valentino Rossi, anche lui bravo a risalire dalla nona casella in griglia e limitare i danni in un weekend che si era ormai capito non essere di quelli facili per la casa di Iwata (Folger a parte). Neanche con la pista asciutta hanno trovato il feeling giusto per fare una corsa di vertice. Detto questo mi auguro di sbagliarmi e di potervi raccontare con emozione, tra un po' di mesi, il primo titolo in MotoGP di Dovizioso (quanto se lo meriterebbe nella sua carriera) o il tanto atteso decimo mondiale di Valentino... Petrucci sempre in testa, sale al secondo posto Marc Marquez con Pedrosa terzo. Il tedesco si è tolto la soddisfazione di fare due giri in testa davanti al suo pubblico. Completa il podio Pedrosa.

Riassumendo, Marquez è a mio avviso il pilota da battere, al di là di quello che oggi dice la classifica. Vinales ha chiuso furibondo per un contatto con Marquez: i due in pista hanno avuto un acceso scambio di vedute, che non è parso proprio un chiarimento. Jonas Folger (Yamaha Tech3) ha accusato 453 millesimi di distacco, precedendo di pochi millesimi Aleix Espargaro (Aprilia) di 9 millesimi. Quarto posto per Nicolò Bulega. "Sono stati 30 giri tiratissimi e sono contento perché in classifica iridata non sono lontano". "Mi sono trovato molto bene con il compund anteriore, così come accaduto quando ero in Suzuki", queste le prime parole di Maverick Vinales al termine della gara come riportato da Motorsport.com.

Davanti le posizioni di cristallizzano: Marquez comanda, rimane vicino Folger. Per Rossi 1'28 " 669, per Dovizioso 1'28 " 703. Attenzione anche a Bautista, che con la sua Honda sopravanza la Ducati ufficiale del leader del mondiale. Ho provato s pingere a tutta ma non mollava un centimetro. Il campione del mondo in carica si conferma re di Germania, lo stesso dominio del Texas. Vinales e Rossi si fermano ai piedi del podio, mentre le Ducati dovranno riflettere sull'andamento della gomma.