Calciomercato Napoli, De Laurentiis: "Reina? Cerco successore da mesi"

Regolare Commento Stampare

"Con la bonifica di Bagnoli costruirò la città del Napoli, con 15 campi di calcio ed uno stadio moderno e tecnologico".

Come vi abbiamo anticipato, Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, ha partecipato a un forum nella redazione de Il Mattino. Aspetto Vallefuoco in albergo con i contratti, così li firmeremo e Ounas potrà partire per il ritiro. Dobbiamo ancora far esplodere gente come Rog e non creare malumori, con i bravi che poi chiedono di poter partire. Pepe ha il contratto in scadenza, tra un anno ci sarà un problema.

Sulla questione relativa al rinnovo di Reina: "Sto cercando da mesi un'alternativa, ma non riesco a trovarla". Oggi se dipendesse solo da me sceglierei un portiere su cui puntare per il futuro e terrei anche Reina, esperto, carismatico e stakanovista. Mi disse di si. lo avete visto voi? "Farle venir fuori è stata una caduta di stile, ho preferito non replicare".

Su Reina. "Pepe è il più forte e ha tutta la mia fiducia, gliel'ho data quando non lo conoscevo. Lo incontrerò, comunque, a Dimaro".

L'eventuale acquisto di Leno: "A me piace molto, il suo club ha appena fatto una cessione milionaria. Gli ho risposto che noi giochiamo così tanto all'attacco, che non dobbiamo preoccuparci della difesa". Al Napoli non manca nulla sul mercato, anzi siamo in esubero. "Abbiamo trattenuto tutti i big, respingendo offerte per Koulibaly, Mertens, Strinic, Jorginho". All'epoca di Mazzarri il costo del lavoro era di 40 milioni l'anno, oggi è di 100. Maggio e Hysaj? Maggio è integro, ha esperienza, e quando chiamato in causa ha fatto bene. Il patron degli azzurri infine non nasconde le ambizioni: "Lo scudetto?". Ho letto tante stupidate. "Lì me la sono presa con la squadra non con Sarri: tranne Insigne gli altri giocatori sembravano venuti in vacanza". Il mister deve capire che ognuno fa il proprio mestiere. Poi dev'essere bravo lui a saper scegliere se è il momento o no di utilizzarlo, è il gioco delle parti. Sarri lo amo, lo rispetto, per me è il numero uno in Europa. Lo scudetto? Prima o poi dobbiamo vincerlo, meglio prima che poi. Dobbiamo impegnarci tutti: occhi aperti verso chi non ce lo vuole far vincere.