Uccide la moglie e si spara

Regolare Commento Stampare

L'ennesima lite è scattata la mattina del 28 giugno nella casa di Montalto Uffugo, dove Maria Grazia Russo accusava il marito di tradirla. Un agente della polizia penitenziaria 53enne ha sparato alla moglie 48enne nella loro abitazione di in via Volta. L'uomo ha chiesto alla figlia di andare nella sua stanza, invito che la ragazza, in stato di choc, ha accolto. Poco dopo Petrasso si ‚ puntato la pistola d'ordinanza alla tempia ed ha fatto fuoco. Sul posto i carabinieri. Giovanni Petrasso, agente penitenziario di 53 anni, ha ucciso la moglie Maria Grazia Russo, 48 anni.Con la stessa pistola d'ordinanza poi si è suicidato. In casa era presente anche la figlia 18enne, rimasta illesa.

È stata proprio la ragazza ad avvertire i carabinieri.

La giovane figlia della coppia era in un'altra stanza, quando ha sentito le grida dei genitori e poi i colpi di pistola esplosi dalla pistola d'ordinanza del padre. Per Petrasso e la moglie, comunque, la morte è stata istantanea. Tra Petrasso e la moglie, secondo quanto é emerso dalle indagini dei carabinieri, negli ultimi tempi c'erano liti frequenti per normali problemi di coppia, ma nessuna denuncia per maltrattamenti o per altro.