Cnn, tre giornalisti vanno via dopo le bufale sul Russiagate

Regolare Commento Stampare

Il pezzo incriminato citava una fonte anonima secondo cui la commissione Intelligence del Senato stava indagando sui rapporti di Scaramucci con un fondo di investimento russo legato a una banca controllata dal Cremlino. I tre giornalisti dimissionari sono il redattore che ha scritto l'articolo, Thomas Frank, Lex Haris, a capo di un nuovo team di giornalismo investigativo creato dall' emittente, Eric Lichtblau, che fa parte della stessa unità.

Tre giornalisti di punta della Cnn hanno rassegnato le dimissioni dopo che l' emittente è stata costretta a ritrattare un articolo che riguardava un manager vicino al presidente Donald Trump e a presentare le proprie scuse. Poi sono stati il capo dello staff Rience Priebus e lo stratega Stephen Bannon a dirgli che non era il caso, perché ci sarebbero state troppe controversie a proposito delle quote di SkyBridge vendute al cinese HNA Group, conglomerato collegato col Partito Comunista al governo. Dopo la pubblicazione dell'articolo, un'indagine interna di CNN aveva scoperto che alcuni dei processi editoriali del network per garantire giornalismo di qualità non erano stati rispettati.

Esperto di finanza, con la famiglia di origine emigrata dall'Umbria, il 53enne Scaramucci è un fidato consigliere del presidente Trump che lo ha voluto nel team incaricato del passaggio di consegne con la presidenza Obama.

La CNN aveva rapidamente messo off-line la storia già venerdì, uscita solo sul sito: sull'inizio di un'investigazione specifica a proposito dei contatti tra Scaramucci e Dmitriev mancavano gli standard della testata.

Trump, martedì, s'è scagliato contro la CNN, che spesso ha definito un media che diffonde fake news sul suo conto.