Valentino: Anche in questo 2017 almeno una l'ho portatata a casa

Regolare Commento Stampare

E poi è il decimo successo ad Assen, come a Barcellona, due tra le mie piste preferite, assieme al Mugello e a Phillip Island: sono fiero di esserci riuscito. Meglio di così oggi non poteva fare, ma che spettacolo. La sua giornata è stata abbastanza positiva ed in casa Yamaha si sono concentrati parecchio sul tanto discusso telaio. "Mi è piaciuto di più il telaio nuovo". La classifica è l'altra cosa bella, siamo tutti vicini. La pioggia è stata la sua unica preoccupazione: "Ho cominciato a essere ottimista quando ero davanti, ma proprio in quel momento è arrivata la pioggia e in queste situazioni Petrucci è forte". Bisogna essere contenti del succeosso, ma non troppo, perché da una settimana all'altra passi da grande eroe a grande stupido.

Ma sta mostrando qualche punto debole? Anche oggi, sul circuito di Assen, è stato così: con un gruppo di testa di ben 11 piloti che hanno lottato per la vittoria, alla fine a spuntarla è stato lo spagnolo Aron Canet, capace di infilare il nostro Romano Fenati all'ultima staccata e di precederlo al traguardo di soli 35 millesimi. Fortunatamente ha dei punti deboli anche lui: "possiamo lottare".

"Con il 2017, non mi sentivo efficace in entrata di curva: abbiamo cercato di migliorare quell'aspetto. Voglio ringraziare tutto il mio team perché anche in questo weekend abbiamo lavorato benissimo e, nonostante le condizioni meteo cambiassero in continuazione, abbiamo fatto le mosse giuste, siamo rimasti calmi, e questo alla fine ha pagato" conclude il pilota della Ducati. Sono felice per me e per la squadra. Sicuramente è aggressivo: Marquez dice che va bene così, questa è la MotoGP... "Comunque la tuta era nuova e me la deve ripagare.". Valentino Rossi ottiene la vittoria numero 115 in carriera, 20 anni e 313 giorni dopo la prima, quella in 125 a Brno, nel 1996. "Ora sono più arrabbiato io, mi passerà".

Lorenzo è stato addirittura doppiato da te...