Moto GP, Rossi critico con la Yamaha: "Non trovo il mio feeling"

Regolare Commento Stampare

"Mi sento bene, questa e' una pista che mi piace". Nella Q1 peccato per Andrea Iannone che chiude terzo a sette millesimi dalla qualificazione alla Q2. Il suo eccezionale giro in sella alla Yamaha Tech 3 (1'46" 41) mette dietro Marquez (Honda) e Petrucci (Ducati Pramac), protagonisti di una straordinaria battaglia che ha coinvolto pure Valentino Rossi (Yamaha), a lungo in zona pole e poi è scivolato in seconda fila nel finale: "al suo fianco domenica partiranno Redding (Ducati Pramac) e Folger (Yamaha Tech 3). Al secondo posto della griglia di partenza Marc Marquez, comunque soddisfatto del risultato ottenuto, nonostante la sfiorata pole.

Il meteo è stato però ancora protagonista, con una leggera pioggia che ha fatto si che i piloti, con gomme slick e moto con setup da asciutto, venissero ancora una volta "stoppati", per un inizio di sessione da "incubo".

Il tempo stringe e in due settimane non si deciderà il campionato, ma si getteranno le basi per il futuro. Sinora la sua stagione è stata priva di acuti particolare, se si eccettua la gara di Austin. Cal Crutchlow invece deve scegliere alcuni piloti adatti per formare un'eventuale boyband: "Intanto sceglierei Valentino Rossi, un personaggio che attira la folla".

Ne restano fuori, almeno al momento, innanzitutto un sorprendente Karel Abraham, più veloce di Jack Miller, Aleix Espargaro e soprattutto di Jorge Lorenzo, al momento solo 14° (+1.393). "Per un personaggio dal carattere forte" ha dichiarato lo spagnolo dopo averci pensato, aggiungendo che forse la sua scelta ricadrebbe su Vinales. Prima tra tutti c'è una Yamaha in cerca di riscatto dopo la debacle catalana con Vinales e Rossi andati in crisi a causa delle temperature elevate ed un asfalto con poco grip.