Gran premio Azerbaijan: vince Ricciardo, ruotate tra Vettel (4°) e Hamilton (5°)

Regolare Commento Stampare

È qui che la gara muta completamente: alla seconda ripartenza Hamilton inchioda, lasciando Vettel senza via d'uscita; i due si toccano, e Vettel - molto indispettito dal gesto dell'inglese - lo affianca e lo colpisce.

Lewis Hamilton scaccia i dubbi della vigilia e si conferma imprendibile in qualifica: quella del Gp di Azerbaigian è la quinta pole position della stagione e la 66ma della sua carriera in F1 (il record di Schumacher è 68, comincia il conto alla rovescia). Stroll, invece, salendo sul podio, diventa il primo pilota canadese sul podio dal Gp di Germania del 2001 e solo il terzo pilota canadese della storia a conquistare un podio dopo i 13 di Gilles Villeneuve e i 23 di Jacques Villeneuve. Nona la McLaren di Alonso e decima la Sauber di Wehrlein. In classifica Vettel ha 14 lunghezze di vantaggio su Hamilton e 42 su Bottas. Quarto Vettel che resta leader Mondiale e 5° Hamilton Confusione e scintille fin dall'avvio. "Posso dire con il cuore in mano che ho dato tutto quello che potevo e speriamo di fare così anche la prossima gara".

Terza sarà la rossa di Kimi Raikkonen, quarta la Ferrari di Sebastian Vettel che in mattinata aveva avuto diversi problemi al motore, tanto da far ripiegare sul motore 1. Recuperano i due su Ocon e Magnussen. Proprio i detriti causano una foratura a Kimi Raikkonen costretto al ritiro. Tanti ingressi della safety car, una interruzione e un duello che è durato fino alla bandiera a scacchi.

In realtà il tre volte campione iridato della Mercedes è stato obbligato a fermarsi al box per sostituire il collare "hans" che si era staccato dopo l'ìmpatto con la ruota della Rossa di Vettel.

Pole e record della pista per Lewis Hamilton. A quel punto però la sua Ferrari dà una sorta di "ruotata" alla monoposto rivale, prima di ripartire tutti con la Safety che si toglie dalla pista. Vettel cerca di spingere a tutta velocità per riprendere i tre piloti davanti a lui e mettere in difficoltà Hamilton. Poi Vettel e Hamilton. Un giro dopo altro colpo di scena: il direttore di gara assegna a Vettel uno Stop and Go di 10 secondi, per la condotta antisportiva tenuta dal ferrarista nei confronti di Hamilton in regime di Safety Car; in testa si ritrova così Ricciardo seguito dalla Williams di Stroll.