Calciomercato Juventus, Marotta svela tutto: addii, mosse in entrate e caso Pogba

Regolare Commento Stampare

A margine della presentazione del libro "I veri padroni del calcio" di Marco Bellinazzo l'amministratore delegato della Juventus ha parlato dei principali temi, non solo di mercato. "Ma ovviamente saremo attenti a quello che potrà succedere sul mercato in entrata". Faremo una risoluzione consensuale e auguriamo a lui ogni fortuna.

Non c'è nessuna rottura.

Capitolo portiere. Resta in stand-by la vicenda legata a Gigio Donnarumma. La sensazione infatti è che si continui a lavorare sulla possibilità del rinnovo di contratto di Donnarumma con il Milan in questa stagione del calciomercato estivo ma sotto traccia, nella massima riservatezza e pare che non siano stati pochi i contatti maturati già nella giornata di ieri tra Fassone, Raiola e famiglia Donnarumma. "Ma al momento non ci sono situazioni del genere, abbiamo la speranza che nessuno vada via".

Un caso analogo rischia di essere Moses Kean.

Su Keane: "Le attuali norme penalizzano quelle società che vogliono utilizzare i vivai come serbatoi per il futuro".

Il mercato della Juventus non è ancora entrato nel vivo.

NUOVI INNESTI- Con Dani Alves e Lichtsteiner in uscita Marotta e Paratici avranno il compito di portare a Torino almeno due volti nuovi per la fascia destra. Non si tratta proprio di rottura, la motivazione è fondamentale per un calciatore.

In particolar modo, Marotta si è soffermato sui casi legati a Dani Alves, ormai prossimo all'addio, e ad Alex Sandro.

Manchester City e Chelsea sono interessati a Bonucci ed Alex Sandro e sono pronti ad arrivare a cifre folli. "Un'offerta consistente ci è arrivata - ha confermato oggi Marotta a Milano -". Se un giocatore, però, decide di andare via, come si è verificato con noi in passato, alla fine deve andare via perché tenere un giocatore controvoglia non è utile per nessuno. Sul giocatore c'è la forte concorrenza Barcellona, ma i bianconeri non hanno intenzione di lasciare la presa e si apprestano ad incontrare gli agenti dello spagnolo.