Moda, è morta la stilista Carla Fendi

Regolare Commento Stampare

Da qui la svolta del marchio Fendi in tutto il Globo. Per decenni è stato indissolubile il legame che aveva stabilito negli anni '80 con Menotti prima e poi con il direttore artistico del Due Mondi, Giorgio Ferrara, al quale aveva assicurato sostegno e collaborazione per far rinascere un Festival in cerca di identità dopo la scomparsa del Maestro.

Carla Fendi, 80 anni, morta a Roma dopo una malattia che l'aveva aggredita negli ultimi anni, stasera si è ricongiunta in cielo con l'amore di tutta la vita, il marito Candido Speroni, che era scomparso nel 2013.

La nota casa italiana è stata fondata nel 1925 da Edoardo Fendi e Adele Casagrande artigiani romani. Carla entra giovanissima a lavorare nel gruppo di famiglia. Il suo lavoro avviene fianco a fianco con Karl Lagerfeld nei 50 anni di sodalizio tra il designer e il marchio Fendi. Carla fendi in tanti anni ha particolarmente contribuito a valorizzare il festival di Spoleto, e con esso tutto il patrimonio culturale della nostra regione, mettendo a disposizione del festival e della città, e dunque dell'Umbria, le sue competenze imprenditoriali, la sua immensa passione per l'arte e la musica. Con la crescita e lo sviluppo dell'azienda Carla Fendi, pur continuando a collaborare alla creazione si occupa in modo specifico della Comunicazione, dall'Ufficio Stampa, alla Pubblicità, all'Immagine, alle Manifestazioni.

"Addio a Carla Fendi".

Negli Anni '60, Carla Fendi corona un altro sogno: conosce Candido Speroni, che sposa e che resterà suo marito per 50 anni. Per lei lasciò la carriera di farmacista, accettando di mettersi al servizio del marchio.