Querelle tra Miley Cyrus e Stefano Gabbana: ecco cosa è successo

Regolare Commento Stampare

Tutto ha avuto inizio quando la celebre popstar americana ha condiviso su Instagram tutta la sua gioia per il debutto in passerella di suo fratello Braison, 23 anni, che in questi giorni ha calcato la passerella della settimana della moda di Milano sfilando in versione "King Arthur" proprio per la maison italiana: "Ti amo Prince Suga Bear e complimenti per la tua esperienza!"

"Congratulazioni Braison per il tuo primo fashion show" ha scritto la cantante su Instagram "Il sogno di mio fratello minore non è mai stato quello di fare il modello anche perché è uno dei musicisti più talentuosi che le mie orecchie abbiano mai ascoltato, ma è una caratteristica della famiglia Cyrus quella di provare tutto almeno una volta nella vita e abbracciare le opportunità che ci aiutano ad uscire dalla nostra comfort zone".

Per qualche fan che la difende a spada tratta sui social, la cantante nel post farebbe riferimento a uno scarso impegno dell'azienda nella scelta di materiali ecosostenibili, ma è nota la battaglia di Miley Cyrus contro Donald Trump, dai tempi della campagna elettorale fino alla Women March. E la replica è arrivata a stretto giro: "Noi siamo italiani e della politica non ci interessiamo di quella Americana ancora meno!" Ma appoggio lo sforzo della vostra azienda di celebrare i giovani artisti e dare loro una possibilità'. Ha infatti affermato di apprezzare il tentativo della famosa casa di alta moda di lanciare giovani talenti; al tempo stesso, però, di essere profondamente in disaccordo con la medesima dal punto di vista delle scelte politiche.

Attendiamo fiduciosi una controreplica dell'impertinente Miley Cyrus...

"Noi facciamo abiti - ha postato prontamente Stefano Gabbana - e se tu pensi di fare politica con un post sei semplicemente un'ignorante". Non abbiamo bisogno dei tuoi post e dei tuoi commenti.