Ora invece un avvocato di Trump dice che non è indagato

Regolare Commento Stampare

"Il procuratore speciale che sovrintende l'inchiesta sul ruolo della Russia nelle elezioni del 2016 interrogherà alti dirigenti dell'intelligence per capire se Donald Trump abbia tentato di ostruire la giustizia", scrive il quotidiano. Sembra quasi inutile aggiungere (se un po' s'è capito del carattere di Trump) che il Prez non ha preso troppo bene quest'evoluzione che lo riguarda e giovedì ha sparato tre tweet velenosi tornando sul classico claim "è una caccia alle streghe".

Robert Mueller sta indagando anche sulle operazioni finanziarie e imprenditoriali condotte da Jared Kushner, genero e consigliere di Donald Trump. Una notizia che mise in serio imbarazzo il presidente Trump durante il summit del G7 a Taormina, con il genero costretto a rientrare in fretta e furia negli Stati Uniti insieme alla moglie Ivanka. Sotto la lente del procuratore ci sono le finanze di altri uomini chiave vicini al tycoon, compresi Michael Flynn, ex consigliere per la sicurezza nazionale; Paul Manafort, ex direttore della campagna elettorale; e Carter Page, uno dei consiglieri specializzati in politica estera. Non a caso, subito dopo il tweet presidenziale, Rosenstein parlando coi suoi avrebbe minacciato di astenersi a sua volta dalle indagini sul Russiagate.

Il dossier sul Russiagate si arricchisce ogni giorno di più di nuovi particolari. Che fosse una "persona di interesse" nell'inchiesta era già noto, ma ora emerge che gli investigatori hanno messo a fuoco le sue operazioni finanziarie. Finora Kushner era finito nel mirino del procuratore solo per i suoi incontri con l'ambasciatore russo Sergei Kislyak. E allo stesso tempo anche la frustrazione dei legali e dei più stretti collaboratori di un presidente imprevedibile e incontrollabile che, secondo indiscrezioni, sarebbe talmente arrabbiato per le indagini e per la copertura dei media da urlare davanti alla televisione.

"Dopo sette mesi di indagini e audizioni parlamentari sulle 'mie collusioni con i russi', nessuno e' stato in grado di mostrare alcuna prova".