Gli obesi nel mondo sono due miliardi, aumentano anche in Africa

Regolare Commento Stampare

L'Organizzazione mondiale della sanità ha fallito, visto che si era prefissata - entro il 2013 - l'obiettivo di frenare l'epidemia di obesità nel mondo.

Ogni anno, per problemi legati all'eccesso di peso, muoiono circa 4 milioni di persone.

Non solo: chi è in sovrappeso affronta le malattie con maggiore difficoltà degli altri, tanto è vero che le complicanze per gli obesi sono spesso fatali.

Uno studio compiuto dalla famosa Università di Washington, pubblicato sul prestigioso New England Journal of Medicine, ci dice alcune cose interessanti. I primi, per una questione anagrafica, sono più esposti alle conseguenze drammatiche dell'eccesso ponderale: concausa certe per malattie cardiovascolari, disturbi metabolici e almeno una dozzina di tumori (tiroide, esofago, stomaco, pancreas, fegato, colon-retto, seno, ovaie, utero, rene).

Si incoraggiano anche gli Stati a sviluppare linee guida per la dieta di bambini e adolescenti "rivolte sia ai normopeso che a coloro che sono sovrappeso o obesi" e a "sedersi ad un tavolo con i produttori alimentari, il settore distribuzione e il catering, al fine di incoraggiare il miglioramento delle abitudini alimentari, in linea con le linee guida sulla salute, e la promozione di scelte sane, per rendere l'opzione sana la scelta più facile".

Oltretutto secondo i dati emersi dalla ricerca, non è necessario essere obesi per rischiare la propria salute, anche entrare nella fascia del sovrappeso (riconoscibile con un indice di massa corporea compreso tra 25 e 30) potrebbe causare le stesse patologie. Lo studio, che ha coinvolto 195 paesi e considerato un periodo molto lungo dal 1980 al 2015, sarà anche presentato a Stoccolma in occasione dell'EAT Stockholm Food Forum. Sono coinvolti 108 milioni di bambini e oltre 600 milioni di adulti.

I chili di troppo, quindi, sono un problema che affligge ormai da tempo miliardi di persone in tutto il mondo, ma i dati diffusi in questi giorni sembrano confermare la gravità della situazione e l'urgenza con cui i principali paesi del globo dovrebbero adottare dei provvedimenti per quella che appare a tutti gli effetti come un'emergenza che mette a rischio la salute pubblica. I tassi più bassi di obesità si riscontrano invece in Bangladesh e Vietnam, rispettivamente l'1% della popolazione.La Cina, con 15.3 milioni, e l'India, con 14,4 milioni hanno il più alto numero di bambini obesi; gli Stati Uniti, con 79,4 milioni e la Cina con 57,3 milioni hanno il più alto numero di adulti obesi.

Secondo quanto riportato dalla ricerca, nel 2015 sovrappeso e obesità riguarda 2,2 miliardi di persone nel mondo.