Rogo Londra: morti i 2 ragazzi italiani

Regolare Commento Stampare

E' stato l'avvocato della famiglia Trevisan, Maria Cristina Sandrin, a comunicarlo. Grida d'aiuto dall'interno di un grattacielo in fiamme. Gli incendi tendono a propagarsi dal basso verso l'alto in una forma a "V", ma ci sono numerose variabili che possono modificare questa dinamica: il tipo di materiali utilizzati in alcune parti dell'edificio, la presenza di trombe delle scale e ascensori che possono favorire l'effetto camino, porte e corridoi che in alcuni casi possono ostacolare la diffusione delle fiamme.

Anche i tabloid sono critici, col Daily Mail che si chiede: "Come diavolo è potuto accadere?", e il Sun, "Gli avevano detto che era sicuro". Solo il pudore, e il richiamo al miracolo, trattiene dalla sentenza senz'appello. Gloria Trevisan e Marco Gottardi, i due giovani di Camposampiero (Padova) e San Stino di Livenza (Venezia) coinvolti nel rogo della Grenfell Tower a Londra, non torneranno più a casa.

La polizia parlava inizialmente di 6 morti accertati.

Non c'erano i genitori in chiesa, ma c'erano invece le cugine e le amiche di sempre di Gloria. Un quartiere che ogni giorno di più si arricchisce di nuovi angoli trasformati in piccoli santuari di dolore e preghiera. Oltre ai dispersi si conterebbero 17 morti. Tecnicamente non esistevano nei contratti "ufficiali" della Grenfell Tower, palazzo di 24 piani strappato all'edilizia popolare in nome del business degli affitti. Il pannello utilizzato alla Grenfell Tower risulta vietato negli USA proprio per essere infiammabile.

Nelle ultime proteste gli inquilini scrivevano: "Non ci volete ascotare, servirà una tragedia per farci prendere sul serio". E poi ci sono Marco e Gloria, abbracciati, sorridenti, contenti.

Qui il video in diretta dell'incendio. Mandate anche le unità di soccorso dell'Hazardous Area Response Team. Ma anche questa, venerdì, si è infranta contro le tragiche notizie arrivate da Londra. Mentre le tv mostrano vigili del fuoco tuttora impegnati a indirizzare i getti d'acqua dalle autoscale. Papa Francesco "affida le anime di coloro che sono morti alla misericordia amorevole del Signore e offre le sue solenne condoglianze alle loro famiglie". Nel frattempo diversi consigli comunali di Londra hanno stabilito una verifica dei palazzi simili alla Grenfell Tower, una misura tardiva ma necessaria che potrebbe salvare la vita a centinaia di persone. Lo rende noto Stuart Cundy, capo operazioni di Scotland Yard, precisando che un ferito è tra l'altro morto in ospedale per la gravità delle lesioni riportate.

Si teme ci possano essere persone intrappolate nella Grenfell Tower, un grattacielo residenziale di 27 piani a North Kensington, nella zona ovest di Londra, che brucia come una gigantesca torcia stanotte nella capitale britannica. "Bellissima persona. E' così triste", commenta ancora in inglese Carmen. Gloria sapeva cosa stava succedendo, sapeva che lei e il suo fidanzato, Marco, stavano andando incontro alla morte.