Ius soli, bagarre al Senato. Contusa la ministra Fedeli

Regolare Commento Stampare

Lui, nato in Senegal e arrivato in Italia quando aveva appena due mesi, combatte la nuova legge presentata da Pd, Mdp e Sinistra Italiana perché, dice, "l'italianità è una cosa seria, una questione di identità e cultura". Attualmente chi nasce in Italia da genitori stranieri può diventare italiano al compimento del 18esimo anno di età.

"LO IUS SOLI NON PASSERA'" - Quanto accaduto ha trovato il commento dei militanti di Forza Nuova, con una diretta sulle loro pagine ufficiali: "Ormai è guerra - si legge sulla pagina facebook Forza Nuova Roma -". Nonostante questo, la polemica continua. Di qui la necessità di limitare l'ingresso, la permanenza e i diritti degli extracomunitari, tra cui lo ius soli.

E' iniziata oggi, in modo tutt'altro che pacifico, la discussione in Senato sullo Ius soli, ovvero il ddl che conceda la cittadinanza ai figli di immigrati nati o cresciuti nel nostro Paese. Quindi, un bambino nato su una nave straniera che transita nelle acque territoriali statunitensi, ossia in un raggio massimo di 12 miglia nautiche, oppure su un aereo che stava sorvolando il territorio americano, acquisisce automaticamente la cittadinanza statunitense. Lo 'ius soli' negli Stati Uniti assume un rilievo particolare anche dal punto di vista istituzionale, poiché per essere eletto presidente degli Stati Uniti un candidato dovrà essere inderogabilmente nato su territorio americano. O potrà anche chiederla chi non ancora maggiorenne sia entrato in Italia, vi risieda da almeno sei anni e abbia frequento un ciclo scolastico o un percorso di istruzione professionale ottenendo un titolo di studio o simili.

In assenza di questa dichiarazione? Il genitore deve aver soggiornato per almeno cinque anni in Italia se cittadino UE. "L'estate scorsa questa mia dedizione poteva essere tradotta in un'azione concreta candidandomi alle elezioni amministrative di Pavullo Nel Frignano, ma ho dovuto rinunciare proprio perché non cittadina italiana". Esordisce così Youness Warhou, 23 anni, tra i fondatori del movimento Italiani senza cittadinanza, molto attivo in questo ultimo periodo. Il ddl "latita", affermava il vescovo in quell'occasione, "si ha paura di esporsi politicamente, per una realtà che non farebbe che migliorare e facilitare i percorsi di partecipazione, d'integrazione". Dal 3 agosto 2006 è partita una indagine conoscitiva. Dopo qualche minuto di scontri, la situazione si è calmata. Ma intanto i lavori d'Aula proseguono. Dal 14 giugno 2012 è partito un nuovo tentativo in commissione con l'esame di alcune proposte. Stanno approvando una legge contro l'Italia e lo stanno facendo blindati dentro al Palazzo, mentre il popolo è fuori a protestare.