De Biasi annuncia: "Lascio l'Albania dopo le qualificazioni"

Regolare Commento Stampare

Gianni de Biasi non è più l'allenatore dell'Albania.

"Questa è una pagina della mia avventura professionale che non avrei mai voluto scrivere - così inizia la sua lettera - ma desidero comunicarvi che non sarò più il c.t dell'Albania". Il mio ciclo come Ct della Nazionale è terminato, ma nulla potrà mai spezzare il legame forte che mi lega a questa nostra Nazionale, a alle tantissime persone che in questi bellissimi cinque anni e mezzo, ho avuto la fortuna di incontrare.

Ma le ultime sconfitte, con la Spagna ed Israele in casa e con l'Italia in trasferta e poi quella della scorsa settimana nell'amichevole contro Lussemburgo, hanno messo De Biasi nel mirino delle critiche, anche se poi ha di nuovo ricevuto molti elogi dopo "la vendetta" con tre reti contro Israele nella trasferta di domenica scorsa.

De Biasi, dopo la storica qualificazione agli Europei francesi dello scorso anno, è considerato un vero eroe in Albania tanto che il suo nome sarà scolpito all'entrata principale del nuovo stadio di Tirana. E sono certo che lo farà, ma con un altro allenatore. "Se la federcalcio albanese avesse voluto De Biasi ne avrebbe discusso, oggi è troppo tardi", ha concluso l'ex tecnico del Torino.

Voglio in questa occasione, ringraziare pubblicamente colui che mi ha dato questa grande opportunità, il Presidente Armando Duka, che sempre mi ha appoggiato, dandomi carta bianca nel operare nel mio ruolo di Selezionatore. Adesso nelle prossime quattro partite chi mi sostituirà avrà la possibilità di conoscere i ragazzi.

Ad Alberto che ha seguito la preparazione e il recupero dei ragazzi, a Ilir Boziqi a Ervin Bulku e tutto lo staff tecnico, a Benny Celiku a Gianluca Stesina, a Filippo Iori che ha trattato i giocatori insieme a Ylli Mihali a Merepeza a Arz enVoci, e al grande Fathos Kademi un lavoratore instancabile. Ogni cosa ha un inizio e una fine. "Lascio con fatica, ma consapevole che il mio ciclo con questo gruppo è terminato [.]". "Ora il seme è stato piantato nella terra, la pianta sta crescendo e con l'impegno la cura e il lavoro di tutti saprà dare ottimi frutti.//Con riconoscenza//Gianni De Biasi". De Biasi lo sa e per questo ha deciso di farsi da parte.