Calca in piazza San Carlo, le precisazioni del Comune di Torino

Regolare Commento Stampare

Comincia la ricostruzione dei momenti che hanno generato il panico in Piazza San Carlo. "Per questo motivo invitiamo tutti gli spettatori presenti nella piazza a contattarci, per aiutarci a ricostruire gli venti della serata". È quesot il dato più recente quanto della Prefettura.

Erano centinaia di migliaia i tifosi bianconeri riunitisi nella centrale piazza San Carlo a Torino per assistere alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, poi vinta dagli spagnoli per 4 a 1. In particole gli inquirenti stanno cercando di capire se la caduta della ringhiera sovrastante il parcheggio sotterraneo sia stato un evento primario, oppure se sia stata scatenata da qualcos'altro, tra le ipotesi, ad esempio, figura quella del lancio di un petardo. Lo ha scritto su Facebook il senatore del Movimento 5 Stelle Alberto Airola.

Persone travolte dalla calca Dal Bataclan al concerto di Manchester, passando per l'attentato sventato a Saint Denis nella notte di terrore a Parigi, nessuno è escluso dalla psicosi attentati.

"Stiamo lavorando, abbiamo degli spunti, sarà imprescindibile assodare le cause hanno il sbigottimento", ha aforisma il questore con Torino Messaggero celeste Sanna, parlando per mezzo di i giornalisti poi il vetta per mezzo di prefettura sui fatti con ieri per mezzo di piazzale San Carlo.

"Per ciò che concerne la presenza di venditori abusivi", prosegue Palazzo Civico, "sono in corso le verifiche da parte dell'Amministrazione per individuare le eventuali responsabilità". Successivamente la prima cittadina si è recata all'ospedale Regina Margherita, dove è stato ricoverato il bimbo di 7 anni rimasto gravemente ferito, e al Molinette, per fare visita agli altri feriti ancora in serie condizioni.

Quando la squadra di Allegri aveva gia' ceduto il passo al Real, e la piazza abbandonato la speranza, all'improvviso il caos. "Sembrava di stare all'Heysel", l'oscuro pensiero di un anziano tifoso juventino presente in piazza, di fronte a quella folle che barcolla e poi dilaga, persona sopra persona. Qualcuno ha iniziato a correre e allora ci siamo messi a correre anche noi. Chiarezza sull'accaduto la chiede anche il parlamentare piemontese di Fi, Lucio Malan, per il quale vanno accertate anche "le carenze nell'organizzazione della piazza: evidentemente la folla era troppa, le vie di fuga troppo poche, il divieto di entrare con le bottiglie non fatto rispettare". Lì in migliaia erano arrivati tifosi da tutte le città italiane, Torino ma anche Verona, Trieste, Milano. "È stato terribile", racconta invece un altro giovane.