Torino, Cairo: "Il futuro di Belotti? Ho preso un impegno con Andrea"

Regolare Commento Stampare

Durante la festa di presentazione dello stadio Filadelfia, Urbano Cairo, con una battuta, ha di fatto annunciato il passaggio del portiere in nerazzurro. Era una pazzia, non ero mai stato nel calcio, è un mondo difficilissimo.

Sullo Scudetto 1928. "Il 28 di aprile di quest'anno ho spedito una lettera al presidente della FIGC, Tavecchio, per riavere lo Scudetto. Mi sono preso un rischio, ho vissuto emozioni belle e brutte ma non ho mai mollato". Il titolo venne revocato perché vennero trovati in un cestino dei pezzi di carta che potevano ricondurre ad un presunto illecito, ma non c'è mai stata una vera commissione che esaminato il caso. Solo una revoca immediata e nulla più.

Presente, nella circostanza, anche il presidente del club granata, Urbano Cairo: tra i temi trattati in diretta a Sky Sport 24, anche il destino calcistico di Andrea Belotti, bomber comprato nel 2015 dal Palermo per una cifra vicina agli 8 milioni di euro. Nel rinnovo di contratto c'è una clausola per cui, se qualcuno dall'estero arrivasse con 100 milioni, noi saremmo obbligati, con il consenso del giocatore, a dare Belotti a questa squadra - ha detto Cairo -. "Il progetto del Toro è di fare sempre meglio, vincere lo scudetto non è affatto facile se ti misuri con club che fatturano molto di più dei granata".