La ricetta di Lewis Hamilton: "Come si vince il GP di Montecarlo"

Regolare Commento Stampare

SECONDO SETTORE: Dalla curva del Casinò si procede verso la Mirabeau Haute, una destra che porta immediatamente nella zona più spettacolare di tutta Montecarlo: si tratta del famoso Fairmont-Hairpin, un tornantino molto secco da percorrere rigorosamente in prima marcia e che rallenta notevolmente l'andatura della nostra monoposto.

Il tedesco della Ferrari è avanti in classifica di 6 punti: un margine piccolo, ma che fa capire quanto la Rossa sia migliorata rispetto all'anno scorso e soprattutto pronta a lottare per il Mondiale. Problemi che i tecnici di Milton Keynes sperano di poter risolvere nel successivo GP del Canada, quando sarà previsto un upgrade aerodinamico e un aggiornamento della power unit Tag Heuer by Renault.

Monaco è pista da trazione per eccellenza, dove conta dunque, prima che l'aerodinamica, la parte meccanica, perchè con velocità di percorrenza non troppo elevate l'aerodinamica non ha la stessa valenza che in altre piste. Il basso degrado delle nuove Pirelli, insieme ad un asfalto poco abrasivo come quello di Montecarlo, fa pensare ad una gara con una sola sosta. Il tracciato ha sempre avuto una lunghezza di base di 3 km, nonostante negli anni siano state apportate piccole modifiche che però non ne hanno intaccato il disegno originale, e si snoda fra le bellezze del centro storico. Spiccherà poi un'assenza, quella di Fernando Alonso: lo spagnolo, delusissimo dalla sua McLaren-Honda, si è buttato sull'avventura della 500 Miglia di Indianapolis e il sogno di vincere in carriera la 'Tripla Corona' costituita da Montecarlo, Indy e 24 Ore di Le Mans anche se - scherzi del calendario - ciò gli impone di saltare proprio la gara nel Principato.

Lo scorso anno ad imporsi fu il pilota della Mercedes, Lewis Hamilton, alla seconda vittoria nel Principato.

Se prima abbiamo detto che per i tifosi può non essere così spettacolare, per i piloti è una vera e propria sfida, non fisica, ma psicologica.

Il circuito Unico ed inimitabile, il circuito di Montecarlo è tra i più famosi al mondo, così come lo è l'intero fine settimana, che richiama sempre un gran numero di "vip", considerando anche che le libere a Monaco vengono effettuate il giovedì e non il venerdì. Anche per lo stesso Vettel pochi sorrisi, anche se può contare sulla vittoria ottenuta nel 2011. Sebastian Vettel su Ferrari ha vinto Australia e Bahrain.