Sanremo 2017, la conferenza stampa di Paola Turci

Regolare Commento Stampare

'Qualche paura rimane, certamente sono umana' ha confessato la stessa Paola Turci, concorrente a Sanremo 2017.

Sanremo 2017, Paola Turci parla del brano Fatti bella per te, che porterà sul palco dell'Ariston. Torna a cantare a Sanremo a 16 anni dall'ultima esperienza nel 2001, è in gara con la canzone "Fatti bella per te". Prima di esibirsi, la Turci ha incontrato i giornalisti per la rituale conferenza stampa. "Anche la cover che ho scelto va verso questa strada".

Il 15 agosto 1993, durante il suo tour estivo, Paola Turci rimase gravemente ferita in un incidente stradale sulla Salerno-Reggio Calabria dovuto, come confessò anni dopo, alla distrazione dovuta al cellulare: cento punti di sutura al volto, 12 interventi per ricostruire la pelle, l'occhio destro salvo per miracolo, una lunga riabilitazione e un trauma dal quale, ha ammesso, non si è mai ripresa del tutto. Ho quasi finito il disco 'Il secondo cuore', che deve il titolo al pezzo che ho scritto e registrato con Enzo Avitabile. Una volta che la canteranno da questa sera, se lo vorranno, sarà di tutte le donne. L'ho cominciato ad affrontare seriamente quando sono venuta allo scoperto con me stessa ammettendo di avere paura invece di avere coraggio. "Da quel momento mi sono sentita meglio". Perciò è un cammino che ho fatto, che mi ha aiutata e fatto bene.

Fatti bella per te è una lettera che Turci scrive a sé stessa, un'esortazione e una presa di coscienza ("Se un'emozione ti cambia anche il nome/Tu dalle ragione, tu dalle ragione/Se anche il cuore richiede attenzione/Tu fatti del bene") condensa tutte le fragilità di una donna, alle prese con il tempo che passa, con l'età che cambia cuore e fisico ("Ti rivedrai dentro una foto/Perdonerai il tempo passato/E finalmente ammetterai/Che sei più bella") ma che permette di potersi di nuovo guardare allo specchio e sentirsi belle, tanto dentro quanto fuori ("E sei più bella quando sei davvero tu/E sei più bella quando non ci pensi più"). "Bisogna stare molto attenti".