Smartphone Samsung sequestrati a Vicenza: violato un brevetto

Regolare Commento Stampare

Da questa mattina la Guardia di Finanza della provincia di Vicenza è impegnata in un'operazione che ha portato al sequestro di smartphone e tablet Samsung: i device dell'azienda coreana avrebbero violato un brevetto di un'azienda italiana approvato dall'ufficio europeo nel 2002.

Il sequestro dei dispositivi è stato disposto all'interno dell'indagine "Patent App" relativa al presunto utilizzo da parte di Samsung di un software brevettato da un'azienda italiana. Il software riguarderebbe l'interfaccia del volume audio che compare sullo schermo dopo aver collegato le cuffie allo smartphone. Il motivo per il quale i sequestri stanno avvenendo a Vicenza e provincia è legato a dove la denuncia è stata depositata: per ragioni che per ora non sono state chiarite, la ancora anonima azienda romana che rivendica la paternità della tecnologia ha scelto il capoluogo veneto per tentare di far rispettare i propri interessi. Il danno per la parte offesa sarebbe stimato in circa 60 milioni di euro a livello europeo, di cui 10 milioni nella sola Italia. Le Fiamme Gialle beriche hanno provveduto a sequestrare i telefonini cellulari così contraffatti ed illecitamente immessi sul mercato, al fine di procedere ad una perizia che consenta di definire con maggiore compiutezza di elementi le diverse varianti di contraffazione a seconda del modello e del tipo di sistema operativo utilizzato. "Inoltre, presso i punti vendita perquisiti, è stata sequestrata altresì un'ingente mole di documentazione contabile (Documenti di trasporto, fatture di acquisto, contratti estimatori e/o di fornitura) attestante la provenienza, le modalità di immissione in commercio in territorio italiano e l'effettiva titolarità dei prodotti di telefonia mobile sequestrati". Si parla al momento di circa 80 agenti operanti nelle zone di Vicenza, Torri di Quartesolo, Bassano del Grappa, Schio, Thiene, Arzignano, Montecchio Maggiore, Lonigo, Trissino, Cassola, San Giuseppe di Cassola, Ponte di Barbarano, Camisano, Malo e Piovene Rocchette.