MotoGp Malesia, doppietta italiana: trionfo di Dovizioso, secondo Rossi

Regolare Commento Stampare

Per il pilota Ducati è la prima vittoria stagionale. Lorenzo riconosce che il grip del nuovo asfalto gli ha dato un piccolo aiuto nell'avere sensazioni migliori a livello di guida: "A Brno, per esempio, con poca acqua ero molto competitivo, stavo facendo una bella gara e stavo rimontando fino a quando non è saltato un pezzo della gomma davanti", ha spiegato. "Ho avuto tante difficolta' durante la gara, ma volevo davvero questa vittoria", ha aggiunto il 30enne pilota romagnolo. Rossi è felice: perché al primo giro con una staccata da urlo ha sverniciato Marquez e Lorenzo, perché si è divertito a surfare sui tornanti insieme alle due rosse. Con il secondo posto di oggi il Dottore si conferma vice campione mondiale. Insomma un successo bis per il pilota della Mahindra e futuro rider del Team VR46 Sky in Moto2, che sa molto pure lui di desmo. In fine, ottime qualifiche per Loris Baz (Avintia Racing) che dopo il decimo tempo per la prima volta partirà dalla quarta fila mentre Cal Crutchlow (LCR Honda) sabato ha rimediato una piccola frattura al pollice destro a causa di una doppia caduta ma sarà regolarmente al via al centro della seconda fila.

E così anche la seconda piazza del mondiale è decisa.

10/19: I primi 4 piloti sono racchiusi in un secondo! Quarto Marc Marquez, quinto Crutchlow, sesto Iannone, poi le due Suzuki di Espargaro e Vinales.

Moto Gp, Dovizioso in pole a Sepang. Rossi, Lorenzo e Marquez alle spalle del pilota della Ducati
MotoGP 2016: MotoGP Sepang 2016: Andrea Dovizioso in pole davanti a Rossi e Lorenzo

Jorge fatica a tenere il passo degli altri, mentre Iannone attacca e passa Rossi. Ora tutti a Valencia, feudo spagnolo, dove la Yamaha è chiamata ad interrompere il lungo digiuno di vittorie che dura da Barcellona.

Andrea Dovizioso conquista il GP di Malesia, sul tracciato di Sepang, al termine di una gara resa entusiasmante e rocambolesca dalla pioggia caduta in maniera copiosa sul tracciato. Infine anche Iannone deve dire addio ai suoi sogno di gloria. Dovi ne approfitta e mette il turbo. E così finalmente torna al successo, una vittoria meritata per una fantastica persona, apprezzata da tutti nel paddock. Invece naviga nelle retrovie, con una GP15 che fatica sul bagnato.

Stavolta dargli una sufficienza fa più male del solito, perchè il podio era sicuro e ci stava anche pensare in grande.