Latte e formaggi non provocano obesità, ma la combattono

Regolare Commento Stampare

Dalla revisione dei dati è emerso che, contrariamente a quanto spesso si è detto in passato, i formaggi non aumentano il rischio di obesità. Secondo i ricercatori, infatti, per ogni 200 grammi di latte consumati al giorno il rischio di obesità si riduce del 16% in bambini e adulti.

Eliminare i latticini quando si è a dieta?

Anche studi precedenti avevano dimostrato che il calcio preso in dosi adeguate è associato alla perdita di peso corporeo e quindi può essere un ottimo alleato della dieta. Al contrario, la giusta quantità di calcio assunta con l'alimentazione era in generale molto al di sotto delle dosi raccomandate dagli specialisti nella dieta.

Secondo gli autori della ricerca condotta dai nutrizionisti facenti capo all'Università di scienze e tecnologie di Qingdao, l'assunzione quotidiana di latte e formaggi si tradurrebbe in una diminuzione del rischio legato all'obesità pari al circa il 16%, a prescindere dall'età del soggetto e dalla sua collocazione all'interno di quella fascia pediatrica in cui il latte rappresenta un principio alimentare preponderante. Nello specifico a fornire tale risultato è stato uno studio condotto su 1350 persone ed effettuato in Lussemburgo, successivamente pubblicato su Nutrition Research che ha rivelato come precedentemente anticipato, che chi è solito consumare latticini corre un rischio inferiore del 50% di diventare obeso rispetto a coloro i quali ne consumano poco o assolutamente nulla. Ed il rischio è ancora più basso per chi sceglie abitualmente latte e yogurt interi.