Palizzi, "200mila euro al poker online coi soldi del Comune": indagato vicesindaco

Regolare Commento Stampare

Si è dimesso il vice sindaco di Palizzi, nel reggino, Davide Plutino, indagato dalla Procura della Repubblica di Locri per peculato perché si sarebbe impossessato di circa 200 mila euro dalle casse comunali, gran parte dei quali usati per scommesse on line.

Il vicesindaco di Palizzi, duemila anime alle porte di Reggio Calabria, è indagato per peculato.

La Procura fa anche il nome di un noto bookmaker online di origini britanniche dove il numero due dell'amministrazione comunale avrebbe giocato buona parte dei soldi sottratti alle casse.

Secondo quanto riporta Ilario Filippone sul quotidiano Il Messaggero, Plutino è descritto come "un grande appassionato del gioco d'azzardo".

Alcune ricevute del gestore William Hill sarebbero state trovate nell'abitazione dell'amministratore dai carabinieri che hanno proceduto alla perquisizione. Oltre a Plutino, nel registro degli indagati c'è un dirigente del Comune. "Nel corso della perquisizione, tutti i dipendenti dell'ente locale sono stati invitati a lasciare il loro posto di lavoro". Gli uffici comunali di Palizzi sono rimasti chiusi per diverse ore. A quanto si apprende, infatti, i carabinieri stanno verificando la sussistenza di una presunta attività estorsiva.Sulla vicenda, però, gli uomini del colonnello Vincenzo Franzese e del capitano Ermanno Soriani mantengono il riserbo. Era stato proprio il primo cittadino, nei giorni scorsi, a notare una scarsa linearità sulla gestione contabile del suo Comune, chiedendo l'intervento dei revisori dei conti.