Rimini, 17enne stuprata e filmata dalle amiche: il video su Whatsapp

Regolare Commento Stampare

Si fa festa. Ci si diverte, si alza un po' il gomito e non ci si ricorda nulla.

Avrebbero potuto almeno tentare di aiutarla. Nel video - riporta ancora la stampa locale - non si vede la vittima in volto ma le immagini mostrano come la ragazza fosse completamente inerme, in balia del giovane. Per il momento, dato lo stato di ebrezza, le parole della giovane sono scarse e lacunose, ma gli inquirenti hanno, come prova dello stupro, il video agghiacciante che è stato poi bloccato in rete.

C'è un nome e un cognome nel registro degli indagati aperto dalla Procura per la vicenda della diciassettenne che sarebbe stata violentata nei bagni di una discoteca a Rimini.

Ha potuto però rivivere il tutto attraverso il video che le sue amiche, anche loro minorenni e sotto gli effetti dell'alcool, hanno realizzato a sua insaputa quella sera e poi diffuso tramite l'applicazione di messaggistica diretta whatsapp. La vittima, completamente ubriaca e dunque non in grado di capire cosa stesse avvenendo, ha denunciato lo stupro solo in un secondo momento, dopo aver ricevuto su whatsapp un video che la ritraeva con l'aggressore.

L'ASSURDA REAZIONE DELLE AMICHE - Ma è qui che comincia la parte, se possibile, più assurda del racconto: le amiche della ragazza, per di più minorenne, accortesi della scena, seguono i due. Nel si sentono anche delle risate in sottofondo.

La sua vita era diventata un inferno dopo che video hot erano finiti sul web diventando virali. Non si sa se di sua iniziativa o spinta a farlo. Un doppio, terribile tradimento. E' accaduto nel Riminese, protagonista una 17enne. "La famiglia chiede riserbo, ha fiducia nella magistratura ma spera si possa arrivare a qualche misura contro il giovane". Perfino di quello dell'amicizia.

La ragazza ha raccontato tutto alla madre e insieme hanno sporto denuncia ai carabinieri.

La magistratura sta indagando su un caso di violenza subito da una 17enne in una discoteca della riviera.