Pensioni, spunta il piano di estendere la quattordicesima

Regolare Commento Stampare

Potrà ad esempio simulare un 50% di Ape e aggiungere un 20% di Rita (la previdenza integrativa, anch'essa anticipabile per chi ce l'ha). Il reddito del quale si tiene conto non è unicamente quello pensionistico, ma comprensivo di tutti i redditi assoggettabili all'Irpef, quelli esenti da imposte e quelli soggetti a ritenuta alla fonte.

Alla luce di questi margini di manovra che sono strettissimi, il governo interverrà dunque solo su una platea ristretta di pensionati.

Regole più flessibili per l'anticipo pensionistico APE, fulcro della Riforma Pensioni presentata dal Governo alle parti sociali e al centro del tavolo che tornerà a riunirsi dopo la pausa estiva il 21 settembre, primo incontro della "fase 2" del negoziato, che finora è servito alla presentazione nel dettaglio delle misure allo studio. "Bisogna che Renzi, che ha fatto affermazioni importanti sulle pensioni e sul rinnovo dei contratti del pubblico impiego, non si lasci tirare per la giacchetta da quanti vorrebbero collocare in un inesistente secondo tempo la soluzione di questi problemi che stanno in cima ai pensieri di milioni di cittadini", ha affermato. Sarà possibile farsi anticipare da banche e assicurazioni il 100% della pensione, ma anche il 50% a seconda delle esigenze personali. Quando noi tre anni fa abbiamo portato il tema della flessibilità, noi siamo stati derisi, adesso è nell'agenda del governo Renzi. A questo si aggiunge la rivalutazione annuale in base all'inflazione a partire dal 2018.

Fra gli altri provvedimenti che potrebbero diventare effettivi, la ricongiunzione gratuita dei contribuiti per quei lavoratori che li hanno versati in fondi diversi e la cancellazione della penalizzazione per i lavoratori che possedendo quarant'anni di contributi versati, vogliano andare in pensione a 52 anni. La proposta continua a ricevere critiche dalla Cgil in quanto, secondo il Segretario generale Susanna Camusso, si tratta di una misura penalizzante per migliaia di lavoratori che si ritroverebbero a pagare una sorta di mutuo ventennale.

Al fianco della quattordicesima estesa è prevista anche una no tax area Irpef che arrivi vicino alla soglia di 8mila euro prevista per i lavoratori dipendenti.

"Perché? L'aumento delle pensioni minime è un messaggio semplice, che funziona".

Oggi sui principali quotidiani italiani compaiono nuovi dettagli sul piano pensioni, che arrivano dall'intervista che il premier ha rilasciato a Vita, in uscita in edicola venerdì 9 settembre.