ROMA. Sisma: Errani partecipa a conferenza regioni

Regolare Commento Stampare

"Io ho sempre detto che non posso avere la bacchetta magica, nè là nè tantomeno qua, non prometto miracoli". E non ha perso tempo. Oggi siamo nelle condizioni di avviare una politica che favorisca da una parte interventi su edifici privati e dall'altra sulle strutture pubbliche. "Non sarò un commissario calato da alto, è fondamentale il raccordo con il territorio". "Ma è chiaro a tutti che gli sfollati devono uscire dalle tende al massimo entro una ventina di giorni, se si vuole evitare che esplodano rabbia e disperazione". "Ogni Amatriciano che ha una seconda casa in paese e che non ha riportato danni (certificati) con il sisma - ha spiegato Pirozzi - è invitato a metterla a disposizione di chi ha invece perduto tutto in attesa che avvenga la ricostruzione". Sessanta i Comuni delle Marche colpiti in maniera più o meno grave dal sisma. Nonostante le polemiche sollevate da M5S e dal leader della LegaMatteo Salvini, i pronostici sono confermati e il governo sceglie di affidare proprio all'ex governatore dell'Emilia Romagna, che ieri ha effettuato un primo sopralluogo ad Amatrice (dove tornerà domani per incontrare il sindaco), la rinascita nelle zone terremotate del Centro Italia. "E' stato fatto un ottimo lavoro". Per ora stiamo già lavorando alla definizione del decreto legislativo per la ricostruzione, mentre la Protezione civile continuerà a gestire l'emergenza. "L'obiettivo è quello di far vivere la comunità da subito". Lo dice Vasco Errani, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Sette mesi Queste parole Errani le ha pronunciate ad Amatrice: "Il commissario è al fianco dei sindaci e delle istituzioni, perché sono le istituzioni che danno senso, dignità e riconoscimento a queste persone che giustamente non vogliono andare via". È vero, molti centri storici e beni culturali ancora attendono. "Non avremo problemi. Il vantaggio è che non assumerò mai una decisione da solo, sarà più impegnativo ma credo sia la scelta migliore" precisa il neo commissario, che insiste molto sulla trasparenza e sull'integrità dei territori. Alla base c'era stata la reazione della gente, che "si è data da fare e si è dimostrata solidale". Scosse di intensità tra il 2 e il 3 sono state registrate dall' Ingv durante la notte anche ad Ascoli Piceno e nel Reatino.

Errani ha voluto sottolineare innanzitutto "lo spirito di grande positività" dei cittadini che - ha aggiunto - "ora attendono risposte".