Terremoto, vescovo Rieti a Lourdes torna col primo volo

Regolare Commento Stampare

"Alle 7.00 ho ricevuto una telefonata da parte di Papa Francesco", afferma mons. Pompili al Sir. "Mi ha informato di aver saputo del terremoto alle 4.15 del mattino - ha detto mons". Lo ha detto il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, in un'intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, durante la visita nei luoghi colpiti questa notte dal terremoto. "Mi ha invitato a non avere paura, e mi ha rivolto parole di vicinanza e di incoraggiamento che vorrei immediatamente portare alla popolazione". "Era un momento particolarmente affollato per la stagione estiva e il numero dei morti purtroppo potrebbe aumentare".

"Ora tutto diventa complicato - ha proseguito monsignor Pompili - e la strada è in salita". Ma il carattere di questa gente è temprato dalle difficoltà e contrarietà della vita. Inizia così il messaggio dell'arcivescovo.

Terremoto Rieti, Norcia e Amatrice: scossa magnitudo 6. "La squadra lavorerà in accordo con la Protezione Civile Italiana nella ricerca e nella assistenza delle vittime".