Consiglio sicurezza Onu discuterà delle tensioni al confine russo-ucraino

Regolare Commento Stampare

"Le violenze sono un tentativo per distrarre la società dai suoi problemi". "Il governo degli Stati Uniti non ha visto alcuna prova delle accuse russe di invasione della Crimea, che l'Ucraina nega".

I servizi di sicurezza russi aggiungono di aver "liquidato" una "rete di agenti" del dipartimento generale di intelligence del ministero della Difesa ucraino, fermati "cittadini russi e ucraini" che fornivano "sostegno nella preparazione di attentati", che ora "stanno confessando".

Entrambi starebbero "confessando". Nel caso di Panov la polizia ucraina ne ha confermato l'identità e ha aperto un'indagine ipotizzando il reato di "sequestro". Cosa più importante, il presidente russo ha definito "inutile" nelle "attuali circostanze" il formato del Quartetto di Normandia (Russia, Ucraina, Francia e Germania) che periodicamente discute del conflitto in Ucraina orientale. Ieri, infatti, il presidente ucraino Petro Poroshenko ha disposto che tutte le unità militari al confine con l'Ucraina - e il Donbass - venissero poste in stato di "massima allerta", pronte al "combattimento".

La situazione è critica anche dal punto di vista diplomatico. Mosca dal canto suo ha accusato gli ucraini di aver tentato un'incursione militare nella penisola di Crimea, annessa da Mosca dopo il referendum del 16 marzo 2014.

In precedenza le autorità ucraine hanno annunciato la sua intenzione di iniziare consultazioni al Consiglio sicurezza dopo l'operazione in Crimea. "È una provocazione da parte di Mosca". "Continuiamo a restare in contatto con i nostri partner internazionali e siamo convinti che sia necessario ridurre le tensioni e la retorica e tornare al dialogo".

Quanto al leader del Cremlino, si è espresso molto chiaramente nel corso di una conferenza stampa, in cui ha accusato Kiev di terrorismo.

La Nato sta monitorando la situazione, e l'Onu ha già organizzato una riunione d'urgenza del Consiglio di Sicurezza su richiesta di Kiev.

Altra voce fondamentale nel confronto è stata quella del Rappresentante Russo alle Nazioni Unite Vitaly Churkin.

Intanto, si avvicinano due date importante: il 24 agosto sarà il 25esimo anniversario dell'indipendenza dell'Ucraina (dall'Urss), mentre a settembre si terranno in Russia le elezioni parlamentari, alle quali parteciperanno anche gli elettori della Crimea. La Crimea vi parteciperà per la prima volta dall'annessione.